Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Lavoratori e lavoratrici della scuola parlano di scuola. Ogni martedì dalle 16 alle 17.

Scuola: divieti, censure, sanzioni

Data di trasmissione

La trasmissione ospita un rappresentante del sindacato SI COBAS con il quale si discute del diritto di sciopero e della revoca di quello dell'8 marzo per il settore scuola.

Parliamo quindi con un docente vicentino, esponente dell'associazione MaiMa, delle prese di posizione dell'assessora alla scuola della regione Veneto Donazzan sulle iniziative contro omo/bi/transfobia del Liceo Corazzini di Thiene.

Concludiamo dando voce agli/alle studenti del collettivo autorganizzato del Mamiani.

 

La scuola del ministro vs la scuola delle/degli studenti

Data di trasmissione

Nella prima parte della trasmissione si riflette con Bruno Moretto (Comitato bolognese 'Scuola e Costituzione') sulla figura e sulla politica del neoministro Bianchi, economista all'Istruzione, già assessore regionale dell'Emilia Romagna a "Scuola e Formazione".

Si parla poi del divieto di sciopero per l'otto marzo deciso dalla commissione di garanzia: il comunicato di Non una di meno.

Parte conclusiva con alcune/i studenti del collettivo Ludus che parlano dell'occupazione del loro Liceo, il Righi, e della scuola che vorrebbero.

Una scuola buona e una buona memoria

Data di trasmissione

Come costruire una scuola differente? Tre corrispondenze su mobilitazione dal basso, formazione, memoria.

Prima corrispondenza con un esponente del gruppo scuola della "Libera assemblea di Centocelle" che organizza un incontro pubblico con gli e le abitanti del quartiere per confrontarsi sulla scuola e interpellare le istituzioni del territorio sui loro ritardi: appuntamento mercoledì 24 febbraio davanti al V MUNICIPIO ore 16.

Seconda corrispondenza con una docente dell'Istituto storico toscano della Resistenza, organizzatrice di "CoImmunitas", corso di formazione su: sapere, web, storia pubblica; differenza, inclusione, antifascismo; relazione, genere, tecnologia. Iscrizioni fino al 5 marzo.

Concludiamo con lo storico Eric Gobetti: riflessione su cosa sia il giorno del ricordo nelle scuole, tra mistificazione della storia, censura e propaganda fascista. Come si costruisce una buona memoria?

Scuola, è arrivato l'economista Bianchi

Data di trasmissione
Durata 51m 30s

Nella prima parte della trasmissione tracciamo il profilo del nuovo ministro dell'istruzione Patrizio Bianchi: economista, liberista, senza meriti scolastici. La sua scuola del futuro.

Nella seconda parte, analisi di quanto accaduto al Liceo Giulio Cesare di Roma: la dirigente decide di cosa le/gli studenti non devono parlare: la legge sull'aborto, l'identità di genere e l'invasione fascista dei Balcani.

Trasporti, donne e "migliori": la scuola che verrà

Data di trasmissione

Nella prima parte della trasmissione corrispondenza con un redattore del blog Odissea Quotidiana con il quale parliamo della questione dei trasporti a Roma in relazione alla frequenza scolastica.

Si prosegue con Elisabetta Serafini della Società italiana delle Storiche che illustra il corso di formazione Educare alla cittadinanza: diritti, genere, storia.

Qui il programma e le modalità di iscrizione (aperte fino al 15 febbraio).

Concludiamo con commenti a ruota libera sull'incombente governo del messia, ovvero degli autoproclamatisi "i migliori". 

 

Distopia Dad

Data di trasmissione

nella trasmissione si parla dell'occupazione del Liceo Pilo Albertelli di Roma con uno studente e due madri del gruppo di genitori che ha firmato una lettera nella quale esprimeva il proprio dissenso sull'iniziativa del dirigente di usare la didattica a distanza durante l'occupazione.

Nelle tre corrispondenze il discorso si allarga a una critica più ampia al sistema di scuola che in tempi di pandemia si concretizza in un modello autoritario e tecnocratico mentre le mobilitazioni studentesche chiedono una sicurezza non securitaria e un vero diritto allo studio.

Mobilita la scuola!

Data di trasmissione

Iniziamo la trasmissione con Mario Sanguinetti dei Cobas raccontando la manifestazione, indetta da Priorità alla Scuola e Cobas, che ieri, lunedì 25 gennaio, si è svolta in tutta Italia davanti agli USR e a Roma davanti al Ministero dell'Istruzione per chiedere un abbassamento del numero di studenti per classe per il prossimo anno scolastico.

Si è parlato poi del nuovo regolamento per lo sciopero del comparto scuola firmato da Aran e i sindacati firmatari del contratto che nuove norme tese a comprimere ancora la libertà di scioperare.

In seguito, una corrispondenza dal Liceo Kant occupato che illustra le rivendicazioni che le/gli studenti di quella scuola condividono con l'assemblea cittadina delle scuole superiori.

La scuola non è neutra

Data di trasmissione

Nella prima parte della trasmissione, corrispondenza da Firenze sulla mozione del collegio docenti del Liceo Artistico di Porta Romana e Sesto fiorentino che chiede al Ministero la sospensione delle prove Invalsi per quest'anno.

Nella seconda parte, riflessioni con la Rete NazioAnale Transfemminista Queer sulla natura del lavoro all'interno della scuola (scuola come servizio, lavoro riproduttivo e didattica pura) e sul rapporto scuola-famiglia e la questione del "gender".

Approfondimento qui: smaschieramenti

contatti: contactfq@inventati.org

La retorica del tempo perso

Data di trasmissione

Nella prima parte della trasmissione parliamo con Giovanni Carosotti, autore di recenti contributi su Roars a proposito della proposta dell'associazione Condorcet, avallata dalla Fondazione Agnelli, di tenere aperte le scuole per tutta l'estate per "recuperare" il "tempo perso" con la Dad. La discussione si allarga al paradigma di scuola neoliberista da tempo portato avanti da questi soggetti anche come forma di disciplinamento di docenti e studenti.

A seguire una corrispondenza con Mario Sanguinetti dell'Esecutivo Cobas Scuola sul tema della riapertura delle scuole superiori a partire dal documento dell'Esecutivo stesso su questo argomento.

Infine si parla della mobilitazione studentesca sempre in merito alla riapertura delle scuole superiori per la quale ieri, 11 gennaio, molti/e studenti hanno scioperato e manifestato davanti al Ministero e alla prefettura.

Tutt# a scuola, anzi a casa

Data di trasmissione

Nella prima trasmissione del 2021 apriamo con una buona notizia: la sentenza della Corte di Appello di Milano che respinge il ricorso del Comune di Lodi, già condannato per discriminazione per aver escluso di fatto nel 2017 le bambine e i bambini di famiglie non italiane dai servizi scolastici: corrispondenza di una compagna del coordinamento Uguali doveri.

Nella seconda parte analizziamo la serie di dispositivi governativi, ministeriali, regionali e ora financo prefettizi che hanno portato il caos nelle scuole superiori: riflessione su come ripartirà la didattica e sulla gestione complessiva della scuola.