Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Egitto: diffamazione alle compagne femministe

Data di trasmissione

L’anno scorso durante il Festival del cinema del Cairo che si è tenuto dal 26 novembre al 5 dicembre 2021, sono uscite 7 testimonianze anonime sul blog “Daftar Hekayat” https://elmodawana.com/  che da tempo si occupa di denunciare anonimamente stupratori e molestatori, contro il regista egiziano Islam Azzazi accusato di stupri e violenze sessuali. C’è stata una forte campagna di solidarietà sui social network con le sopravvissute e la direzione del festival ha cancellato la conferenza stampa del suo film. Azzazi ha sporto denuncia contro 6 persone solidali con le sopravvissute, ad oggi l’unica ad andare a processo il 26 febbraio prossimo sarà la compagna egiziana, scrittrice e giornalista Rasha Azab con l’accusa di diffamazione e calunnia. Dopo il processo de L'Aquila e quello a Torino, anche in Egitto la solidarietà femminista viene messa sotto processo. Nonostante diverse donne abbiano testimoniato contro il regista, la procura non ha investigato e non ha aperto nessuna indagine sulle testimonianze di stupri e violenze sessuali nei suoi confronti. Invece ad andare a processo sarà la compagna Rasha che ha osato portare solidarietà. E' evidente, cosi come accaduto in Italia che si vogliono zittire le voci delle donne che pubblicamente denunciano stupri e non aspettano che sia un Tribunale ad accertare le violenze. In Egitto, il caso n. 222 dell'anno 2022 è il primo processo in cui viene denunciata una persona solidale con le sopravvissute da casi di stupro e violenze, dopo la pubblicazione di diverse testimonianze agghiaccianti. Per portare solidarietà femminista usare l' #Solidarietà_con_Rasha_Azab

Contro la Violenza di Genere

Data di trasmissione

In questa puntata di "Baraonda-Controinformazione Studentesca" insieme a delle compagne del Liceo Righi trattiamo un tema che ci sta particolarmente a cuore e da cui tutte le ragazze e le donne, purtroppo, sono toccate: la violenza di genere. Abbiamo poi avuto l'onore di ascoltare a trasmettere la testimonianza di una violenza subita da una compagna quando era piccolissima. 

Venerdì 5 Luglio: tutte insieme all'Aquila

Data di trasmissione

Venerdì 5 luglio andiamo tutte all'Aquila per sostenere le tre donne denunciate dall’avvocato Antonio Valentini con l’accusa di concorso e diffamazione artt 81 e 595 ter (con qualsiasi altro mezzo di pubblicità" diverso dalla stampa), nel quadro più ampio del processo per stupro commesso da un militare difeso dall'avv. Valentini.

Per andare in pullman: ciriguardatutte@inventati.org

qui ulteriori approfondimenti: 

https://www.ondarossa.info/newsredazione/2018/01/aquila-22-gennaio-ci-riguarda-tutte

https://www.ondarossa.info/tag/processo-aquila

L'Aquila: 31 maggio udienza contro le femministe

Data di trasmissione

Il 31 maggio si svolgerà all'Aquila il processo contro 3 femministe accusate da un avvocato di diffamazione. Per andare in pullman ciriguardatutte@inventati.org

Il 25 maggio alle 20.30 alle Cagne Sciolte cena di sottoscrizione.

Info su ciriguardatutte.noblogs.org

 

San Lorenzo: lo stupro di Desirée e lo sciacallaggio

Data di trasmissione

Nella notte tra sabato e domenica una ragazzina di 16 viene trovata stuprata e uccisa in uno stabile di Via dei Lucani. La morte sembrerebbe overdose. Lo stupro avviene in uno stabile dove da anni sono in corso lavori di ristrutturazione, da tempo però bloccati. Sull'ennesimo stupro da parte di uomini su donne, il ministro dell'Interno Salvini specula. Colpevolizzando immigrati e occupazioni. Forte la contestazione da parte delle donne e del quartiere che c'è stata oggi quando il ministro ha cercato di arrivare a via dei Lucani 22, luogo dello stupro. Alcune analisi e la diretta.

Stupri di guerra

Data di trasmissione
In occasione del conferimento dei Nobel per la Pace 2018 a Denis Mukwege, ginecologo congolese che cura le donne che hanno subito stupri nel suo paese, e a Nadia Murad, una donna yazida che è stata ridotta in schiavitù sessuale dall’Isis e che oggi è un’attivista,  si approfondisce la tematica degli stupri di guerra con Isabella Peretti.
Peretti infatti ha scritto l’introduzione di “Stupri di guerra e violenza di genere" (Ediesse), a cura di Simona La Rocca, un volume che abbraccia con profondità storica quasi tutto il mondo evidenziando come lo stupro di guerra sia una vera e propria “strategia”: stupri di guerra, stupri etnici, stupri nelle guerre coloniali ma anche l’attualità in Nigeria, Palestina, Turchia…

 

Madrid: Occupata Puerta del Sol dalle femministe contro la violenza sulle donne

Data di trasmissione

Il 7 luglio 2016 durante la festa di Sanfirmin a Pamplona cinque uomini tra cui un militare e un uomo della Guardia Civil stuprano una ragazza di diciotto, realizzano un video dello stupro e lo fanno circolare con il nome La Manada, cioè il branco. I cinque vengono sottoposti a un processo conclusosi ad aprile che non ha riconosciuto lo stupro (la ragazza non avrebbe resistito in modo abbastanza visibile!) ma solo una violenza più generica. La rabbia verso questa sentenza ha portato migliaia di donne in piazza in una mobilitazione che si è allargata ancora di più da venerdì quando gli stupratori sono usciti dal carcere. Venerdì a conclusione del corteo a Madrid è stata occupata plaza di Puerta del Sol e altre piazze in altre città, la mobilitazione infatti è molto grande, diffusa e sta mettendo in discussione l'intero sistema patriarcale nelle sue varie forme di sfruttamento e violenza. Sentiamo una compagna dalla piazza di Madrid

#LaManadaSomosNosotras #HermanaYoSiTeCreo #NoEsNo #JusticiaPatriarcal

#Ciriguardatutte! Il processo a L'Aquila

Data di trasmissione
Durata 8m 24s

Stamani prima udienza (quella di gennaio annullata per rinuncia del giudice) del processo che vede tre femministe imputate di diffamazione, denunciate dall'avvocato Antonio Valentini, difensore dello stupratore Tuccia, militare dell'Operazione Strade sicure.

Due corrispondene con le compagne presenti nel presidio di solidarietà femminista, nella foto il presidio di gennaio.

7 marzo 1988: In ricordo di Marinella

Data di trasmissione

Il 7 Marzo 1988 Carla Maria Cammarata ( Marinella) viene stuprata da 3 uomini nei dintorni di Piazza Navona.

La ricordiamo insieme ad una delle compagne femministe che seguirono tutte le fasi del processo e attivarono una grande sollidarietà politica.

Per molti anni le donne hanno continuato a scendere in piazza ogni 7 marzo organizzando cortei notturni, per ricordare Marinella che morì tre giorni dopo il rilascio dei suoi stupratori, e per ribadire che le donne non rimarranno chiuse in casa.

Qui la storia di Marinella e di come si intrecciò col movimento romano.

https://leribellule.noblogs.org/post/2008/03/11/libretto-della-memoria-…