Ascolta lo streaming di Radio Onda Rossa !

Coronavirus: uno sguardo a Decreti e Ordinanze

Data di trasmissione
Durata 18m 19s

Luca Casarotti, giurista, ci aiuta a fare un po' di chiarezza e a inquadrare l'incalzare di Decreti e Ordinanze che regolano la quarantena da Coronavirus, provvedimenti spesso in contraddizione tra loro e volutamente vaghi. Ci lasciamo con la domanda, quali strascichi ci porteremo dietro a livello giuridico, politico e sociale?

 

Luca Casarotti è un giurista. Fa parte del gruppo di lavoro Nicoletta Bourbaki. Scrive di uso politico del diritto penale e di antifascismo. Trovate altri commenti di Luca alla situazione attuale su https://www.wumingfoundation.com/giap/

Strategic Landscape 2050: introduzione ai nuovi scenari di guerra

Data di trasmissione

Nel 2003 usciva Urban Operations in the Year 2020, in cui si ponevano le basi ideologiche per il governo di oggi. Di recente, uno studio dell'Accademia militare americana intitolato  Strategic Landscape, 2050: Preparing the U.S. Military for New Era Dynamics, delinea quelle che saranno le future sfide militari e politiche in un mondo sempre più disastrato e difficile da abitare. Dai problemi di natura demografica, passando per i disastri ambientali e i conseguenti flussi migratori, dalla tecnologia militare all'economia politica, questo studio ci restituisce una fotografia del presente e delle strategie governative in atto. Prevedere il futuro per poterlo indirizzare e calcolare è uno degli obiettivi dei governi di oggi, analizzare le loro strategie può essere utile a chi vuole contrastarli.

Vi proponiamo il primo di una serie di approfondimenti a partire dallo studio di questo testo, buon ascolto!

L'orientamento in terza media

Data di trasmissione
Durata 1h 5m 15s

Nella prima parte della puntata proponiamo la corrispondenza del collega Antonio Mazzeo per Radio Cane sulla penetrazione del mondo militare nelle scuole statali.

Nella seconda parte si parla di orientamento e iscrizioni alle classi prime con valutazione sull'attendibilità dei test orientativi proposti da enti istituzionali.

Chiusura su anticipazione dei contenuti del nuovo contratto, sia per la parte economica, sia normativa.               

Kosovo: esercitazione “Silver Sabre”

Data di trasmissione
Durata 12m 54s

Con Antonio Mazzeo commentiamo l'articolo di difesa online delle esercitazione del nostro esercito in Kosovo per formare apparati militari all'esercizio dell'ordine pubblico all'interno di vari paesi, tra cui il nostro. Parallelamente nelle università italiane si allarga sempre più la collaborazione con la Difesa e Finmeccanica.

Il governo Renzi mette i militari nelle scuole

Data di trasmissione

Nella prima parte della trasmissione un commento ad un intervento del presidente della Fondazione 3LLL, legata a Confindustria, Attilio Oliva, che entra pesantemente nel merito di come retribuire gli/le insegnanti.

qui l'articolo:

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2016-02-21/bonus-non-pio…

 

Nella seconda parte (intorno al 25' co. n Antonio Mazzeo, insegnante e giornalista free lance, parliamo del protocollo d'intesa tra Miur e Ministero della Difesa.

Sul blog della trasmissione, https://oradibuco.noblogs.org/, trovate:

 

  1. Articolo di Antonio Mazzeo Elmetti e moschetti per la Buona Scuola di Renzi & C.
  2. Protocollo d’intesa MIUR-DIFESA dell’11 settembre 2014
  3. Attuazione per l’anno 2015-16 del protocollo MIUR-DIFESA

Italia-Israele: nessun vertice sulle nostre teste

Data di trasmissione
Durata 6m 34s

2 DICEMBRE 2013 - NESSUN VERTICE SULLE NOSTRE TESTE!

 

Oggi si tiene a Roma un vertice tra il "nostro" capo di governo Letta e Nethanyau, primo ministro israeliano.

 

L'Italia è il quarto partner commerciale nel mondo di Israele, il secondo in Europa, col quale ha stretto numerosi accordi di cooperazione, commercio e ricerca in vari campi tra cui esportazioni di gas israeliano, produzione di energie rinnovabili, comparto aereospaziale, sicurezza informatica, Expo 2015 di Milano, agricoltura innovativa, ricerca biomedica e compravendita di sistemi di sorveglianza di produzione israeliana (usati nella costruzione del muro dell'Apartheid e destinati ad essere installati sulle coste delle grandi isole e del meridione itaòiano contro i migranti).

 

A trarre mggiore profitto dalla situazione palestinese sono le industrie che speculano sulla morte delle persone, prima su tutte il "fiore all'occhiello" dell'industria italiana Finmeccanica (primo produttore di armi in Italia) di cui fa parte Telespazio che oggi abbiamo contestato, senza dimenticarci di tutte le altre "degne compari" concentrate nel quadrante nord-est (Vitrociset, Alenia, Selex, solo per citarne alcune).

 

La Palestina infatti è un "laboratorio" a cielo aperto in cui si sperimentano tecniche e tecnologie di oppressione, in cui le aziende belliche studiano l'efficacia delle loro nuove creazioni: aerei drone senza pilota usati per bombardare e controllare i palestinesi e telecamere di ultima generazione per controllarli; il tutto con l'aperto consenso della comunità internazionale che legittima e appoggia l'operato di Israele.

 

Un esempio che ben dimostra la stretta connessione tra i 2 governi, le industrie belliche e non per ultima l'università è stata la conferenza tenutasi a La Sapienza sul tema della guerra cibernetica (cyber-war), organizzata dai centri di ricerca de La Sapienza e dell'università di Firenze in collaborazione con partner privati come Vitrociset, Finmeccanica e Maglan (quest'ultima società israeliana di difesa ed informazione leader nel settore della cyber-guerra), a cui erano invitate le più alt cariche dell'esercito italiano e vari ministri.

 

Nel periodo in cui chiede sacrifici da fame alle classi sociali più disagiate, il governo delle larghe intese, come i precedenti, continua nella politica di cooperazione con Israele, soprattutto in campo militare: ne sono dimostrazione le recenti esercitazioni militari congiunte tra Italia, Israele, U.S.A. e Grecia e l'acquisto dei tristemente noti F-35.

 

COMPLICI E SOLIDALI CON IL POPOLO PALESTINESE

Eccidio di Cefalonia, dopo 70 anni il processo

Data di trasmissione
Durata 2m 34s

Ieri, 7 febbraio, si è aperto, dopo 70 anni, al Tribunale militare di Roma il processo per l’eccidio di Cefalonia, riemerso dall’”armadio della vergogna” dove erano stati inabissati processi importanti contro nazisti e fascisti come questo e quello di Sant’Anna di Stazzema.